Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi pietà di me peccatore.

 È l’invocazione detta “Preghiera di Gesù”, ripetuta fino a diventare incessante, una cosa sola con il respiro e il battito del cuore.  È la via di preghiera privilegiata dai nostri fratelli d’Oriente, che conduce alla purificazione del cuore, all’esperienza della misericordia di Dio e della sua inabitazione in noi, all’unificazione e trasfigurazione dell’uomo e del cosmo.

Artigianato 1

Il rosario tradizionalmente usato per questa preghiera è una “corda di nodi” (komboskini in greco, tchotky in russo) intrecciati in modo particolare: ciascuno è formato da tanti piccoli nodi a forma di croce. Generalmente di lana o seta, il komboskini può essere costituito da dieci, trentatrè, cinquanta, cento, o anche più nodi: utile per contare le invocazioni – ma solo inizialmente – in seguito aiuta a concentrarsi nella preghiera e a raggiungere un ritmo regolare.

La sua confezione era sentita presso gli ortodossi come un’arte sacra, al pari dell’iconografia, riservata ai monaci.